Storia del gelato

L’abitudine di consumare bevande ghiacciate, per ristorarsi durante le stagioni calde, risale ai tempi remoti e si può addirittura affermare che è nata con l’uomo. Se ne trovano tracce nei reperti delle antiche civiltà ed in particolare in quelli della Cina.

Molto tempo dopo, gli Arabi, trasmisero ai popoli mediterranei l’uso di preparare “scherbet” i sorbetti a base di ghiaccio insaporito con infuso di caffè o di frutta di produzione locale.

In Sicilia c’erano tutti gli ingredienti perché quest’abitudine trovasse il suo ambiente: la neve dell’Etna il sale per mantenere basse le temperature, gli agrumi, gli alberi di gelso, la canna da zucchero il miele. Pian piano sorsero le basi per la nascita di un’importante tradizione che, pur modificandosi, è arrivata fino ai giorni nostri.

Più a nord, a Venezia, il gelato arrivò con Marco Polo che assieme a spezie e finissime sete, portò dalla Cina notizie utili per ghiacciare gli alimenti. Fu l’inizio di un lungo cammino che ci porta alla storia più recente.